Pensieri, appunti e proposte di politica e altro

Archivio per

La zavorra

­ 18 gennaio 2006

Pubblicato su Area, gennaio 2006 In tranquilla attesa delle risultanze dell’inchiesta amministrativa sul cosiddetto “Fiscogate” e, spero, della loro completa comunicazione al Gran Consiglio, qualche aspetto di questa vicenda merita già oggi un commento politico. Non certo per avviare la campagna elettorale 2007 con 9 mesi di anticipo, come sostiene a vanvera qualcuno disperatamente a corto di argomenti, ma perché tra poco più di un mesetto si vota sui tagli nel sociale e nella scuola proposti dal Consiglio di Stato e decisi dal Parlamento nel settembre 2005. E’ noto che la parabola governativa della ministra delle finanze è stata contraddistinta, dal 1995 ad oggi, da due scelte politiche chiare. Prima essa si è adoperata per ridurre sensibilmente la pressione fiscale, con l’effetto di favorire…

Oro, progetti e diversivi

­ 17 gennaio 2006

Pubblicato sul Corriere del Ticino, gennaio 2006 L’arrivo in Ticino dei 557 milioni di franchi provenienti dalla vendita delle eccedenze auree della Banca Nazionale ha acceso negli scorsi mesi un importante dibattito nel nostro Cantone. Tutti d’accordo sul fatto che una grossa parte di questo ingente capitale debba essere usata per il risanamento finanziario, ma netta divisione tra chi ritiene che una parte di esso debba essere usata per progetti straordinari a favore della collettività e chi non vuole entrare nel merito di questo discorso. Da un lato una maggioranza, almeno teorica, formata da PS, PPD, Lega, Verdi e in parte UDC a sostenere che la straordinarietà dell’evento e l’imponenza della somma è un’occasione imperdibile per finanziare misure di interesse generale, dall’altra il PLRT…

Referendum sull’oro BNS

­ 16 gennaio 2006

Pubblicato sul Corriere del Ticino, gennaio 2006 Ho letto con interesse l’articolo in tema di referendum sull’oro BNS di Giuseppe Sergi apparso sabato 21 gennaio sul CdT, ma a parte la lezione di stile indirizzata al sottoscritto, non vi ho trovato gli argomenti a sostegno della necessità di chiamare alle urne i ticinesi per decidere come contabilizzare i 557 milioni provenienti dalla Banca Nazionale. A meno che ci si metta a raccogliere le 7’000 firme necessarie solo per dar contro al “masoniano Giovanni Galli” e alla sua personale lettura della vicenda proposta ai lettori del Corriere del Ticino. Un po’ pochino come giustificazione. La cosa ha oltretutto un aspetto paradossale, perché è noto che proprio Marina Masoni era inizialmente tra i contrari al decreto…

Affermazioni calunniose

­ 10 gennaio 2006

Pubblicato sulla Regione, gennaio 2006 Nell’edizione di ieri di Opinione liberale, reagendo scompostamente alla crisi politica che vede al centro la Consigliera di Stato Marina Masoni, il capogruppo del partito di maggioranza relativa si è lasciato andare a gravi affermazioni calunniose sul conto del collaboratore personale di Patrizia Pesenti, accusato di aver giocato un ruolo in ciò che egli ha definito “strumentalizzazioni intorno al fisco ticinese” e “orchestrato uso di documenti trafugati”. La vicenda denominata “Fiscogate” ed i suoi addentellati politici è sufficientemente grave e delicata da suggerire misura e pacatezza a tutte le persone di buon senso chiamate a commentarla a vario titolo. E’ quello che per parte nostra abbiamo fatto negli scorsi giorni e che ci saremmo attesi anche dai massimi rappresentanti…