Pensieri, appunti e proposte di politica e altro

Archivio per

Troppo gentili?

­ 15 settembre 2006

Pubblicato su Area, settembre 2006 Sono ormai 12 anni che il PS combatte la politica masoniana, iniziata con l’entrata della ministra in Governo nel 1995. Praticamente solo unitamente all’area progressista, abbiamo sempre messo in guardia il Ticino dalle conseguenze nefaste degli sgravi fiscali, che hanno favorito i ricchi e ci hanno portato ai tagli di bilancio, e lo abbiamo fatto quando questa posizione era ancora impopolare. Nel 1997, sul I pacchetto fiscale, nel 1999, sul II pacchetto, nel 2000, opponendoci alle due iniziative leghiste, nel 2001e 2003, quando si discussero rispettivamente il III e IV pacchetto, e nel 2004, quando il vento era già cambiato ed il popolo seppe dire NO agli sgravi fiscali federali. Come previsto, agli sgravi ha fatto seguito la politica…

Ciechi e sordi

­ 5 settembre 2006

Pubblicato su Area, settembre 2006 Il Gran Consiglio ha deciso lunedì scorso di respingere un’iniziativa socialista tendente ad introdurre un moltiplicatore unico per le imposte comunali delle persone giuridiche. Secondo la proposta, una parte degli introiti complessivi avrebbe dovuto essere destinata al Fondo di livellamento e l’altra parte ridistribuita ai comuni tenendo conto del moltiplicatore vigente. L’iniziativa veniva motivata con il fatto che l’attuale sistema tributario, che stabilisce che l’imposta comunale è pagata dalle persone giuridiche nei Comuni dove esse hanno la loro sede, comporta notevoli differenze di gettito procapite tra gli enti locali. Infatti, il nostro sistema legislativo, attraverso l’applicazione della stretta territorialità quanto alla riscossione delle imposte comunali da un lato e la creazione del fondo di livellamento delle risorse dall’altro, ha…

Giochi di prestigio

­ 4 settembre 2006

Pubblicato sulla Regione, settembre 2006 Il 16 maggio 2004 i ticinesi bocciarono una riduzione dei sussidi ai premi di cassa malattia per 12,7 milioni annui con un voto chiaro e netto. Malgrado quel segnale popolare, l’anno successivo una maggioranza di Governo, senza passare dal Gran Consiglio per paura del giudizio dei cittadini, impose per decreto un taglio nello stesso settore ancora più elevato, pari a quasi 20 milioni annui. Con quel decreto vennero tagliati fuori dai sussidi circa 10’000 ticinesi ed a molti altri venne ridotto l’importo erogato. Contro quella decisione ingiusta venne proposta dal PS, tra l’altro, un’iniziativa parlamentare che giace ancora nei cassetti della commissione della Gestione, la quale non più tardi di martedì scorso ha scoperto che, qualche mese prima che…