Pensieri, appunti e proposte di politica e altro

Archivio per

Senza vergogna

­ 23 febbraio 2007

Pubblicato sulla Regione, febbraio 2007 L’attuale art. 117 della Costituzione federale, costituito da due capoversi, recita: “1. La Confederazione emana prescrizioni sull’assicurazione contro le malattie e gli infortuni. 2. Può dichiararne obbligatoria l’affiliazione, in generale o per singoli gruppi della popolazione”. Sulla base di questo mandato le Camere federali vararono nel 1994 la LAMal, che rese obbligatoria l’assicurazione malattia per tutti gli svizzeri (i ticinesi conoscevano già l’assicurazione obbligatoria per legge cantonale), che introdusse la pianificazione e che istituì il sistema dei premi uguali per tutti e dei sussidi ai premi per una bella fetta della popolazione. L’iniziativa popolare su cui voteremo il prossimo 11 marzo chiede di aggiungere a questo articolo un terzo capoverso del tenore seguente: “La Confederazione istituisce una cassa unica…

La leadership politica

­ 23 febbraio 2007

Pubblicato su Area, febbraio 2007 Al catartico Congresso liberale del 27 gennaio scorso Giovanni Merlini ha ripreso un concetto caro al PLRT, quello della leadership politica cantonale. “Se vogliamo continuare a rivendicarla dobbiamo trovare la forza di reagire ai problemi posti dalla questione morale” ha tuonato il presidente del partito di maggioranza relativa. Qualche giorno dopo, il 1° febbraio, Fabio Bacchetta Cattori ha annunciato urbi et orbi, quasi fosse il terzo segreto di Fatima, il terzo messaggio elettorale del PPD: “Siamo pronti ad assumere la leadership politica di questo Cantone”. Che significato dare a queste parole? Il PLRT, partito di maggioranza relativa, il cosiddetto “partitone”, può ancora parlare di leadership politica del Cantone con un consenso elettorale attorno al 30% e dopo 12 anni…

Cassa malati pubblica: perché federale e non cantonale?

­ 3 febbraio 2007

Pubblicato sulla Regione, febbraio 2007 Il Gran Consiglio si è pronunciato sull’iniziativa popolare della Lega dei ticinesi sulla cassa malati pubblica cantonale, mentre il popolo sarà chiamato l’11 marzo a votare sul progetto di cassa malati unica federale con premi proporzionali al reddito. Perché il primo progetto, caduto già solo per ragioni giuridiche, non risolve nulla mentre il secondo è da sostenere? L’istituzione di una cassa malati cantonale non avrebbe permesso di fare passi avanti nella soluzione del problema dei costi sanitari, perché qualora essa fosse stata istituita sarebbe divenuta una tra le tante casse ammesse dall’attuale sistema LAMal. In concorrenza con le altre 87 casse, avrebbe dovuto, per ragioni economiche, funzionare più o meno allo stesso modo, senza poter scegliere i suoi clienti,…