Queste tre proposte, pubblicate all’inizio della campagna elettorale, assumono oggi un significato particolare: da formulazioni ipotetiche sono diventate un primo elemento della mia azione di governo. Ma sono solo un punto di partenza dal quale iniziare -assieme- un lungo cammino. Anche qui, con i vostri commenti e il vostro apporto di idee e di esperienze. Pubblica, forte, innovativa, questa è la scuola che i ticinesi si aspettano. Per raggiungere l’obiettivo essa deve saper coniugare equità ed eccellenza, deve sapere rinnovarsi tenendo conto dell’evoluzione della società, deve saper puntare sulla professionalità dei docenti. 1. Riformare la scuola nell’era della società dell’informazione Perché? La scuola ticinese può certamente essere definita una scuola di qualità, in media internazionale, e certamente ha molti meriti dal profilo dell’equità. Tuttavia,…