Pensieri, appunti e proposte di politica e altro

Archivio per

Per gli inquilini, finalmente

­ 27 maggio 2015

Oggi il Consiglio federale ha deciso di proporre al Parlamento l’obbligo del locatore di informare gli inquilini sulla pigione pagata dal vecchio locatario al momento della conclusione di un nuovo contratto. Finalmente! Una richiesta in questo senso è stata proposta più e più volte a livello cantonale ma si era sempre fermata di fronte ad un muro. Con almeno 20 anni di ritardo si farà un poco di trasparenza in questo settore, permettendo a chi affitta di sapere quanto pagava l’inquilino precedente e quindi di discutere e contestare i troppi aumenti che avvengono in questi casi. Ancora una volta, sebbene tardivamente, qualcosa nella buona direzione si muove.

Che delusione…

­ 13 maggio 2015

Che in questo Cantone sia difficile confrontarsi sui temi politici senza cadere nella denigrazione personale è noto, ma che in questo gioco caschi anche Raoul Ghisletta (www.liberatv.ch di oggi) nei miei confronti è per me una grande delusione. Raoul, che qualche anno fa organizzò una manifestazione a Lugano anche contro la denigrazione personale in politica, ora usa toni da Mattino della domenica sul mio conto che nulla hanno a che fare con le differenze politiche, semplicemente perché abbiamo opinioni diverse sui rapporti tra Svizzera ed Europa. Per 15 anni ho lavorato per l’Associazione Inquilini riempiendo armadi di incarti che raccontavano storie di ordinaria difficoltà delle persone che ho cercato di aiutare. Per 10 anni ho lavorato nel settore sociale, toccando con mano altre realtà…

Non dimenticare. Mai

­ 8 maggio 2015

Settant’anni fa la Germania nazista si arrendeva e la guerra in Europa finiva. Da allora il nostro continente non ha più conosciuto confronti armati generalizzati, anche se purtroppo in Jugoslavia, oggi in Ucraina, oltre che in parte dell’ex blocco sovuietico, in Irlanda del Nord e nei Paesi baschi, la violenza è stata purtroppo ancora dolorosamente presente. Non dimentichiamo quel che è successo, mai, perché la mancata consapevolezza di quel che è stato è una delle cose che permette che quel che non deve tornare ritorni.