C’è un’alternativa all’inaridimento della società? Sì che c’è! Si tratta della cultura, che oltre a essere il segno tangibile della civiltà umana, ci rammenta la storia, i valori del nostro passato e nutre il nostro animo e ci appaga attraverso le arti (musica, teatro, cinema, belle arti, letteratura…). Sono molto contento di aver lavorato affinché questo Cantone avesse una legge sulla cultura, pur sapendo che la legge da sola non basta e che ora inizia il lavoro principale.
L’alternativa c’è, ma ha bisogno di essere sostenuta dai cittadini, nelle votazioni popolari e alle elezioni.