Pensieri, appunti e proposte di politica e altro

Post taggati “politica internazionale

Rohuani a Teheran, comunque un segnale positivo

­ 17 giugno 2013

Se c’è una cosa che ho temuto negli ultimi anni è di svegliarmi con la notizia di un raid aereo israeliano in Iran, con l’obiettivo di distruggere il programma nucleare di Teheran. Sono certo che, se questa fosse l’unica opzione possibile per scongiurare l’arma atomica iraniana, Israele sarebbe pronto a procedere. Un’eventualità che acuirebbe, e di molto, le già gravi tensioni tra Occidente e mondo islamico. L’elezione del nuovo presidente iraniano rende questa evenienza meno probabile, o almeno sembra così, cosa che è senza dubbio una buona notizia. Da qualche parte è anche un segnale contro gli eccessi religiosi, un altro segnale incoraggiante.

Un segno di speranza

­ 11 giugno 2013

I risultati italiani delle elezioni comunali parziali sono una ventata d’aria fresca. Alla fine, dopo i vari bunga bunga con contorno di volgarità, dopo i vaffa e i proclami via ciberspazio, malgrado un sistema politico bloccato, malgrado il governo delle larghe intese, malgrado una crisi economica difficile, malgrado un astensionismo in crescita, ma comunque con una partecipazione al voto rara in Svizzera, il centro sinistra vince sulla concretezza. Un buon segnale dal quale ripartire, anche se il lavoro da fare è ancora moltissimo  

I cento imbecilli

­ 21 aprile 2013

La vicenda dell’elezione del presidente della Repubblica italiana ha appassionato molte persone anche da noi e lasciato aperti una serie di interrogativi. Personalmente non ho capito la candidatura Marini presentata il 18 aprile tra molte critiche aperte nel PD. Con quel clima era abbastanza chiaro che Marini non ce l’avrebbe fatta, anche se di principio, nell’ottica di ottenere i 2/3 dei voti dei grandi elettori in uno dei primi tre turni, era abbastanza logico proporre un candidato che andasse bene almeno alle prime due forze politiche rappresentate in Parlamento (PD e Pdl). Poi il 19 aprile è arrivata la candidatura Prodi, approvata all’unanimità dal PD e silurata nel silenzio dell’urna da almeno 100 grandi elettori di questo partito. Quel che hanno fatto questi 100…