Warning: Declaration of Struts_Option_Select::customizer_control_options($setting_name, $priority) should be compatible with Struts_Option::customizer_control_options($setting_name, $priority = 1000) in /home/customer/www/manuelebertoli.ch/public_html/wp-content/themes/duet/includes/struts/classes/struts/option/select.php on line 33
votazioni federali | Manuele Bertoli - Un modo si trova

Pensieri, appunti e proposte di politica e altro

Post taggati “votazioni federali

Oro, progetti e diversivi

­ 17 Gennaio 2006

Pubblicato sul Corriere del Ticino, gennaio 2006 L’arrivo in Ticino dei 557 milioni di franchi provenienti dalla vendita delle eccedenze auree della Banca Nazionale ha acceso negli scorsi mesi un importante dibattito nel nostro Cantone. Tutti d’accordo sul fatto che una grossa parte di questo ingente capitale debba essere usata per il risanamento finanziario, ma netta divisione tra chi ritiene che una parte di esso debba essere usata per progetti straordinari a favore della collettività e chi non vuole entrare nel merito di questo discorso. Da un lato una maggioranza, almeno teorica, formata da PS, PPD, Lega, Verdi e in parte UDC a sostenere che la straordinarietà dell’evento e l’imponenza della somma è un’occasione imperdibile per finanziare misure di interesse generale, dall’altra il PLRT…

Referendum sull’oro BNS

­ 16 Gennaio 2006

Pubblicato sul Corriere del Ticino, gennaio 2006 Ho letto con interesse l’articolo in tema di referendum sull’oro BNS di Giuseppe Sergi apparso sabato 21 gennaio sul CdT, ma a parte la lezione di stile indirizzata al sottoscritto, non vi ho trovato gli argomenti a sostegno della necessità di chiamare alle urne i ticinesi per decidere come contabilizzare i 557 milioni provenienti dalla Banca Nazionale. A meno che ci si metta a raccogliere le 7’000 firme necessarie solo per dar contro al “masoniano Giovanni Galli” e alla sua personale lettura della vicenda proposta ai lettori del Corriere del Ticino. Un po’ pochino come giustificazione. La cosa ha oltretutto un aspetto paradossale, perché è noto che proprio Marina Masoni era inizialmente tra i contrari al decreto…